Lasciti

Il testamento, uno strumento per donare

Un gesto d'amore nel presente che produce i propri effetti nel futuro

Il testamento è un atto di affetto, di rispetto e di responsabilità verso chi ci sta a cuore, uno strumento per donare organizzato e pensato durante la nostra vita e attivato nel momento della nostra scomparsa. E’ un modo per continuare a partecipare alla vita delle persone e dei progetti che amiamo.

Chiunque di noi può decidere, nel pieno rispetto dei diritti dei propri eredi, di affidare con un lascito una parte dei beni all’associazione che persegue la BUONA CAUSA ritenuta più importante. Per il Comitato è GUARIRE UN BAMBINO IN PIU’. Così donazioni in denaro, beni mobili e immobili, polizze assicurative e altri beni possono trasformarsi nella reale possibilità di offrire ai nostri bambini le più elevate possibilità di guarigione e la miglior qualità di vita, sostenendo la ricerca nel campo dell’onco-ematologia infantile e garantendo l’assistenza medica e psico-sociale più qualificata.

Poter contare sui lasciti dei propri sostenitori è un elemento molto importante per un’associazione come la nostra, che vive di generosi atti di solidarietà.

Seguendo le tappe più importanti della storia del Comitato possiamo vedere come i lasciti che abbiamo ricevuto in questi 38 anni siano stati in grado di FARE LA DIFFERENZA nel perseguimento del nostro sogno condiviso di salvare un bambino in più, consentendoci di realizzare i progetti più grandi e importanti:

  • Nel 1982, grazie al generosissimo lascito della sig.ra Rita Minola Fusco, il Comitato inizia il lungo percorso che ha dato vita alla creazione di un Centro di ricerca avente come obiettivo principale lo studio della leucemia del bambino. Nel 1987 nasce così la Fondazione “Matilde Tettamanti Menotti De Marchi”, intitolata ai genitori della indimenticabile signora Rita. Da allora la Fondazione Tettamanti affianca la Clinica Pediatrica di Monza e viene ogni anno sostenuta dall’attività di raccolta fondi del Comitato. Grazie a questa preziosa eredità è stato possibile rendere reale il sogno di guarire un bambino in più, infatti la Fondazione Tettamanti ha raggiunto una posizione di leadership nel campo della ricerca onco-ematologica internazionale e grazie ai risultati raggiunti è stato possibile migliorare sia la precisione della diagnosi che la qualità delle cure, portando sempre più bambini e ragazzi alla completa guarigione dalla malattia.
  • Anche il progetto di ristrutturazione della vecchia Cascina Vallera per creare una casa di accoglienza per i bambini che abitano lontano dall’ospedale è stato possibile, nel 1998, grazie al generoso lascito di un nostro sostenitore, sopraggiunto proprio nel momento in cui i lavori di ricostruzione erano nelle prime fasi e la preoccupazione circa la capacità di far fronte a tutte le spese necessarie era più forte. Grazie a questo lascito i lavori hanno potuto essere portati a conclusione al meglio e da allora la vecchia cascina Vallera si è trasformata in un moderno e funzionale Residence, studiato nei minimi dettagli per rispondere alle necessità dei piccoli malati di vivere insieme alla famiglia, vicino all’ospedale, in un ambiente sereno, sicuro e confortevole.
  • Nel corso degli anni seguenti i numerosi lasciti ricevuti ci hanno aiutato a sostenere le spese necessarie per finanziare l’assistenza alle famiglie più bisognose, la retribuzione di ricercatori e medici per migliorare la ricerca e la cura e il buon funzionamento delle strutture che ospitano i nostri bambini.
  • Infine a partire dal 2012 i lasciti ricevuti, in particolar modo la generosa eredità del Signor Giuliani, hanno contribuito in modo consistente alla realizzazione del sogno più importante del Comitato: la costruzione del Centro Maria Letizia Verga per lo studio e la cura della leucemia infantile, il nostro ospedale!

Senza i lasciti testamentari che abbiamo ricevuto, tutto ciò non sarebbe stato possibile.

 


COME SI FA UN LASCITO

La volontà di destinare una parte del proprio patrimonio a una associazione benefica viene inserita nel testamento.

Esistono due forme di testamento:

  • Testamento pubblico: dettato a un notaio in presenza di due testimoni. Il professionista assicura correttezza sia per la preparazione che per la conservazione del documento.
  • Testamento olografo: procedura più semplice, infatti è sufficiente scrivere di proprio pugno le proprie volontà su un foglio. Lo scritto deve essere datato, firmato e consegnato in deposito a una persona di fiducia, o meglio a un notaio che ne garantisca la corretta conservazione.

Perché è importante FARE TESTAMENTO: Perché è un atto di previdenza civile nei confronti di chi ci è vicino e della società in generale, che ci offre anche la possibilità di compiere un gesto di grande valore, disponendo che una parte dei beni venga destinata al sostegno di una buona causa che ci sta a cuore.

Perché è sicuro FARE TESTAMENTO:
– Perché le disposizioni testamentarie non intaccano i beni nel corso della propria vita, dato che diventano effettive solo dopo la morte e possono avere revocate o modificate in qualunque momento.
– Perché non lede i diritti degli eredi in quanto la stessa legge italiana riserva ai familiari (coniuge, figli e ascendenti) la porzione di eredità denominata legittima, o quota di riserva, e lascia la libertà di decidere della sola quota disponibile.

Per maggiori informazioni su come destinare un lascito al Comitato Maria Letizia Verga scrivi a amministrazione@comitatomarialetiziaverga.org oppure chiama il numero 039.2336801