LE NOSTRE STORIE | 23 Dicembre 2019

Alla scoperta degli Instabili…Alessandra

ALESSANDRA, MAMMA E BALLERINA
PER “GUARIRE UN BAMBINO IN PIÙ”

Oggi conosciamo mamma Alessandra, che fa parte del corpo di ballo del musical “C’è un sogno che…”. Un’esperienza bellissima vissuta insieme con gli Instabili.

L’idea del teatro è partita da una chiacchierata con Rosanna, come me una mamma; ci siamo conosciute 5 anni fa in Day Hospital, durante la terapia di mio figlio Ivan. La proposta era di ballare all’interno del musical: all’inizio mi sembrava una proposta per quanto mi riguarda un po’ azzardata, ci ho pensato qualche giorno, non pensavo di essere in grado di affrontare un’esperienza così impegnativa, ma il cuore ha prevalso e ho accettato.

Al primo incontro ero un po’ imbarazzata, ma, guardandomi intorno, ho rivisto genitori che già conoscevo e così l’imbarazzo è svanito: da subito si è creato un bel gruppo di “burloni”, con tanta voglia di ridere e stare insieme, ma senza mai dimenticare il nostro obiettivo di mettere in scena uno spettacolo teatrale. Abbiamo lavorato sodo, sì, ma non abbiamo mai perso l’occasione di far festa e scherzare tra di noi, così si è creata un’intesa bellissima.

Non nascondo che ci sono stati momenti anche di ansia a mano a mano che si avvicinava il famoso 18 ottobre, la data della nostra prima. Ma il pensiero di fare tutto questo per il Comitato mi ha dato il coraggio e la grinta di affrontare il palco affiancata a un gruppo fantastico, perché l’unione fa la forza e gli Instabili sono la forza il cuore e il coraggio.

Da mamma dico che si deve trasformare il dolore in qualcosa di positivo e solo quando si è uniti si fanno grandi cose. Mi auguro che questa compagnia cresca sempre di più portando in giro in tutti i teatri per far conoscere la nostra realtà e il nostro nobile scopo.

Il grazie più grande va al Signor Verga, persona splendida che ha creduto in noi e sempre disponibile con noi genitori. Perché venire a vederci? Perché, pur non essendo professionisti, siamo riusciti a creare qualcosa di bello essendo un gruppo di persone determinate e motivate e noi abbiamo la grinta che ci contraddistingue, senza mai dimenticare il motivo per cui lo facciamo…